Mazda: dal Giappone con furore

Nel 1920 Jyujiro Matsuda fondò la casa automobilistaica ora conosciuta come Mazda, con il nome di Toyo Cork Kogyo Co., Ltd.

Nel 1931 inizia la produzione di un autocarro a tre ruote, il Mazdago.
Il nome Mazda compare per la prima volta nel 1934. Deriva da Ahura Mazda, il nome di un'antica divinità orientale, ma richiama in qualche modo anche il nome dello stesso fondatore.

Ma bisogna attendere addirittura il 1960 per avere la prima vettura, un veicolo passeggeri a due porte chiamato R360 Coupé.

Ma già nel 1963 Mazda costruisce la sua milionesima auto.
Dalla fine degli anni '60, inizio anni '70, si assiste alle prime esportazioni di auto targate Mazda prima in Europa poi anche negli Stati Uniti.

Nel 1972 il numero complessivo delle vetture prodotte tocca la cifra elevata di ben 5 milioni. L'anno successivo le esportazioni complessive toccano il milione di unità.
È nel 1975 che appare per la prima volta il nome Mazda.
Mazda è stata la prima società giapponese produttrice di automobili a meritare la certificazione ISO 9002.
Il logo attuale viene presentato nel 1997.

Ormai elemento distintivo della casa giapponese, è senza dubbio il noto concetto di Zoom-Zoom, che incarna l'essenza e lo spirito stesso del marchio Mazda, come viene comunicato dalla società stessa.
Questo concetto è entrato ormai nel sentito comune anche grazie all'elevato investimento pubblicitario che ha reso il jingle "zoom-zoom" appunto un vero e proprio tormentone degli spot riferiti ai modelli Mazda.